Foster, Life, EuropeanCommission, VET, FoodWaste, Training, Sustainability, Gastronomic, Food waste, restaurant industry, circular economy

IL PROBLEMA

Il recente progetto FUSIONS (1), finanziato dal Settimo Programma Quadro, ha analizzato il fenomeno dello spreco alimentare all’interno dell’UE. Nella relazione “Estimates of European food waste levels”,
la raccolta e l’analisi dei dati provenienti da tutta Europa ha prodotto una stima degli sprechi alimentari nell’UE-28 di 88 milioni di tonnellate.
Questa stima si riferisce al 2012 e corrisponde a 173 chilogrammi di spreco alimentare pro capite nell’UE-28.

L’industria della ristorazione produce ogni anno 10,5 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari.
Ciò significa che costituisce il 12% dello spreco di cibo totale.

Italia
Francia
Spagna
Malta

Secondo la relazione di Waste Watcher del 2015, l’industria della distribuzione alimentare e della ristorazione producono 203 milioni di tonnellate all’anno di rifiuti, rappresentando circa un sesto (quasi il 13%) del totale dei rifiuti alimentari.

Secondo le stime di un’iniziativa parlamentare del 2014, lo spreco alimentare nell’industria della ristorazione raggiunge le 1.080 tonnellate, che rappresentano l’11% del totale dei rifiuti alimentari prodotti in Francia.

Fra tutti i Paesi UE, la Spagna è al settimo posto per volume di sprechi alimentari (7,7 milioni di tonnellate).

Secondo uno studio nazionale, circa il 14% delle perdite e sprechi alimentari si verifica nel settore della ristorazione e il 5% avviene durante la distribuzione.

Per quanto riguarda Malta, non sono disponibili dati specifici sui rifiuti alimentari di questo settore. Sebbene non vi siano cifre esatte, è possibile stimare che il settore ricettivo maltese sia un considerevole generatore di rifiuti alimentari, se si considera che Malta, con una popolazione di 460.000 abitanti, ospita circa 2 milioni di turisti all’anno (con una permanenza media di 7,6 giorni) e altri 626.000 turisti provenienti da navi da crociera (la maggior parte dei quali si ferma solo per poche ore).

Foster, Life, EuropeanCommission, VET, FoodWaste, Training, Sustainability, Gastronomic, Food waste, restaurant industry, circular economy
Fonti:
  1. Fusions (2016), Reducing food waste through social innovation (http://www.eu-fusions.org/phocadownload/FUSIONS%20Feasibility%20studies%20evaluation%20report.pdf)
  2. Observatory Catering Collective and Nutrition, 2015
  3. Garot G., 2014: Lutte Contre le Gaspillage Alimentaire:Ministre délégué à l’Agroalimentaire
  4. More food, less waste. Ministerio de Agricultura, Alimentación y Media Ambiente. Secretarfa General Tecnica. Madrid, 2013.
  5. Gustavsson, J.; Cederberg, C.; Sonesson, U.; Emanuelsson, A. (2013). The ethodology of the FAO study: “Global Food Losses and Food Waste- extent, causes and prevention” – FAO, 2011. SIK – The Swedish Institute for Food and Biotechnology.
  6. FAO (2011). Global food losses and waste-extent, causes and prevention. Roma, Giugno 2013.